Archivi del giorno: 2 febbraio 2011

Borse di Clara

e Clara  non fa solo bose ma anche abbigliamento…

e accessori!!! TROPPO CARINI dovete vederli!!!

Fonte : borsediclara.blogspot.com

M.

Lascia un commento

Archiviato in Abbigliamento, Accessori

PANsticcini

Davvero difficile distinguere unvassoio di pasticceria vera dalle scatoline di Simona!!!BELLISSIME!!!!

” FANCY CAKES ” – SCATOLE ISPIRATE AI DOLCI- IDEA,PROGETTO e REALIZZAZIONE di SIMONA GIRELLI

– PER INFO E CATALOGO PDF:simona.gi@hotmail.it

Fonte http://www.facebook.com/#!/photo.php?fbid=114850928556140&set=a.143861328988433.23081.114703688570864

M.

Lascia un commento

Archiviato in Dolci interpretazioni

Amici Granievaghi

“Grani” e “vaghi” sono due sinonimi, usati un tempo per indicare le perle, che erano moneta per i commerci. Ingrid e Mariella, nella loro bottega di via Lomazzo 11 a Milano, scambiano le perle con la passione e le parole, in una confusione accogliente. Granievaghi è nato nel 1992 da un’idea di Silvia Corti, ed è stato rilevato pochi mesi fa da Ingrid Strain e Mariella Curci, entrambe già una presenza costante e creativa nella bottega di zona Sarpi, che adesso si chiama “Amici Granievaghi”.

Sono andata a trovarle di primo pomeriggio, con l’intenzione di conoscere meglio il trascorso di un’attività storica, ma con piacevole sorpresa mi sono ritrovata ad appuntare i loro progetti futuri, volti a una continua innovazione e ad un’incessante ricerca, nei materiali e nelle proposte (insieme a Mariella ed Ingrid c’è Doris Jung, stilista, con i suoi cappelli ed abiti per bambini fatti a mano), sempre nel segno della continuità con la qualità caratteristica del marchio.

Le donne di Amici Granievaghi sono la testimonianza di come la passione artigiana di qualità sappia coinvolgere e conquistare, fino a giurarle fedeltà. Un amore che naturalmente traspare dalla produzione: una varietà di modelli unici, inimitabili perché nati grazie a mani attente e vivaci, nello spazio fertile di una bottega in cui si incontrano la professionalità delle produttrici e l’esigenza delle clienti. Attorno a noi, sedute al tavolo da lavoro, i diversi tipi di perle e poi legno, fiori, fili e corde, in cotone e lino, di ogni colore e spessore. Cesti, cassetti, scatole e mensole di pietre, conchiglie, campanelli. Un’oasi di materiali e colori, un laboratorio in cui scegliere un gioiello significa, senza rendersene conto, entrare a far parte di un ambiente e di una comunità, provando una sensazione molto simile a quella di sentirsi a casa.

Consapevoli di questo clima che si crea nella bottega, Ingrid e Mariella sono decise a far del loro negozio uno spazio sociale, aperto, inclusivo, un luogo da frequentare e non un’anonima “boutique” in cui limitarsi a passare alla cassa. Il 14 ottobre un filo rosso legherà Amici Granievaghi ed Emergency in un aperitivo-benefit, mentre per le domeniche di novembre, che a Milano sanno così tanto di grigio e di porte chiuse, le proprietarie apriranno il loro spazio per un corso di lavoro a maglia, per riscoprire il chiacchiericcio colorato da sferruzzo, e viceversa.

I gioielli di Mariella ed Ingrid, così come i cappelli e gli abiti di Doris, possiedono un valore che non può essere rinchiuso nel cartellino del prezzo, (peraltro adatto, nei vari modelli, ad ogni tasca) ma che sta, per tornare alle parole “grani” e “vaghi”, nello scambio: di gusti, di storie di vita come della chiacchiera più banale. È il piacere d’indossare un oggetto che ha una significato e un piccolo vissuto, sia esso fatto di lustri d’esperienza o di semplici momenti d’incontro.

(Articolo e fotografia di Chiara Francesca Albanesi)

Fonte http://thetamarind.eu/2010/10/08/il-tamarindo-ha-incontrato-granievaghi-a-milano/

M.

3 commenti

Archiviato in Gioielli

Gioielli e abiti di cioccolato:meraviglie italiane a Hong Kong

 

C’è il Colosseo di cioccolato bianco, gli orecchini di praline a forma di cuore e l’orologio con gli ingranaggi a vista. Il cioccolataio italiano Mirco Della Vecchia posa con le sue sculture a Hong Kong, nel corso della manifestazione  “CHOCOLATE WORLD HERITAGE”. Della Vecchia detiene il Guinnes World Record per aver fatto la più grande scultura di cioccolato del mondo

[20 gennaio 2011]
M.

Lascia un commento

Archiviato in Dolci interpretazioni

 

Edward Hopper, Morning sun, 1952

 

Senza nessun bisogno di affrettarsi.

Nessun bisogno di mandare scintille.

Nessun bisogno di essere altri che se stessi.

                                       Virginia Woolf, Una stanza tutta per sé

                                                                                                                                A.

Lascia un commento

Archiviato in Pillole d'ingegno