Primo Posto – “L’Artista del Mese – Luglio” – Antonio Salerno

Antonio Salerno

antoniosalerno89@gmail.com

Annunci

8 commenti

Archiviato in L'ARTISTA DEL

8 risposte a “Primo Posto – “L’Artista del Mese – Luglio” – Antonio Salerno

  1. complimenti per il primo premio dell’artista del mese di luglio! fernanda

  2. Molto bello…complimenti all’artista ;)))… ma soprattutto attraverso l’opera il messaggio è davvero molto toccante BRAVOO !!!!

    • Grazie mille Lidia!
      Eccovi la recenzione della mia opera, LA DAMA BIANCA:
      La “ Dama Bianca” nasce dal genio di Antonio Salerno in seguito ad un’attenta analisi da parte dell’artista verso le condizioni poco favorevoli e poco agiate dei lavoratori. In questa opera vengono messe in particolare evidenza le condizioni di un operaio edile. L’opera risulta essere il risultato di un senso di ribellione interiore con lo scopo di indurre l’intera umanità a riflettervi. Si tratta di un dipinto olio su tela 70 x 100 cm; tali misure non sono affatto da sottovalutare,in quanto esse sono state utilizzate con il fine di riuscire maggiormente ad impressionare:tanto grande è il contenuto,tanto grande è la tela. Il quadro è dominato da un’intensa fusione di due stili in particolare: il realismo,evidenti infatti sono i richiami al busto dell’uomo,con una stupefacente microprecisione che si esplica con il disegno delle costole,delle mani rugose e stanche di lavorare,dall’unghia accidentalmente colpita durante l’attività,infine i capelli ricoperti di polvere,la quale diviene simbolo del peso del lavoro che lo intacca fino a tal punto; d’altra parte vi è uno stile del tutto innovativo,tipico del Salerno. Ciò consiste nell’utilizzo di simboli: l’ombra che regge le lancette dell’orologio tanto da volere simboleggiare quasi il desiderio di frenare l’ora inevitabile della morte di quest’uomo; l’ingranaggio,leggermente inclinato,per indicare che c’è qualcosa che non va,che sfugge alla giornaliera attività lavorativa; la “chiave a farfalla” sulla schiena dell’operaio richiama l’immagine di un giocattolo che riesce a muoversi solo se “qualcuno” la aziona e così vale anche per l’operaio. Quest’ultimo viene “azionato” dalla disperazione di questo mondo quasi senza speranze; l’elemento della speranza è strettamente collegato a quel poco di verde che si può scorgere dietro il corpo del protagonista. Il casco giallo e il segnale di “ lavori in corso” sono elementi che rafforzano il tema centrale; così come l’originale tecnica utilizzata:pone al centro della tela alcuni ritagli di giornali in modo casuale riguardanti tale tematica. Non a caso il Salerno nell’orologio dipinge due numeri in particolare: due e sei;questi numeri richiamano la legge che tutela i diritti dei lavoratori. Questo senso di ingiustizia esplode in un rosso cielo,simbolo della ribellione interiore che l’artista vuole esprimere in merito. Il Salerno,dunque,dipinge sullo sfondo in modo stilizzato accentuando i toni molto vivaci con ampie chiazze piatte di colore puro. Infine,la scelta del titolo si spiega chiaramente nella realizzazione della “Dama” con una pedina “ Bianca”. “La vita -commenta l’artista – è un po’ come una partita a dama,in cui si può solo andare avanti;ebbene sì,verso la morte”. La morte quindi viene interpretata dalla pedina “Bianca”,colore scelto non a caso: essa è bianca,poiché rimanda alle cosiddette morti bianche; da qui,il titolo “Dama Bianca”.

      Dott. V.Caprino

  3. Complimenti x il dipinto è molto bello ottima scelta x i colori usati 😉

  4. Lidia Marturano
    bello complimenti 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...